Itaca: La magia della pace


Sembra che il suo destino sia quello di non essere trovata: i turisti sono pochi, ma quando ci arrivano sono ben accolti. E’ un’isola charmant, e gli hotel lo sono altrettanto. Sul porto ad anfiteatro del capoluogo, Vathy il Perantzada Art Hotel è un quattro stelle con 18 camere in cui tessuti colorati e lampade di design si mixano ad arredi razionali.
Il tutto in una villa neoclassica disegnata dall’architetto tedesco Ernst Schiller.

Altro bellissimo hotel è il Dendrinos Ithaki Villas, un complesso di tre case tradizionali in pietra con piscina per 2,4 o6 persone, la loro magia è la location: immerse tra gli ulivi sulle colline di vathy.

Anche l’idea della tenuta Levendis Estate, nel nord dell’isola, è di offrire a gli ospiti un’esperienza di totale relax: le quattro case, ognuna con due camere, sono nel mezzo di un uliveto biologico, non hanno televisione ne aria condizionata. A Vathy non troverete il vostro locale tra le taverne schierate sul porto, ma a quarto d’ora di auto sulle colline, potrete trovare Chani, vista mare e ottima cucina.

Se passate da Friskes, fermatevi alla taverna Ulysses per una grigliata di pesce a base di sardine, gamberi e aragosta. La vera sorpresa però, è al villaggio di Platreithias: il menu greco mediterraneo creativo, a base di soli prodotti freschi, iniziate con il saganaki, il formaggio di pecora fritto con pesto di rucola e continuate con le pappardelle agli spinaci e tortino di pesce.

Post correlati

Sottoscrivi RSS dei commenti

Non ci sono commenti per questo post

Perfavore, scrivi qualcosa per rilasciare il commento

* Campi obbligatori

Privacy Policy - Racconti di viaggi dal mondo