Le Isole Azzorre


Le Isole Azzorre sono un arcipelago di 9 isole principali, facente parte della Repubblica di Portogallo. Sono anche una regione autonoma.

I capoluoghi sono Ponta Delgada dove c’è la Presidenza, Angra do Heroìsmo, dove troviamo la Corte Suprema e Horta che è la sede dell’Assemblea Legislativa.

Le isole sono un “feudo” cattolico, anche se è presente una piccola minoranza ebrea; la lingua delle Isole Azzorre è il portoghese e la moneta, come in Portogallo del resto, è l’Euro. Rispetto all’Italia ci sono 2 ore in meno di fuso orario.
Le isole sono di origine vulcanica, e si trovano in pieno Oceano Atlantico. Divennero Regione Autonoma del Portogallo solo nel 1976, quando le Azzorre vennero divise in 3 distretti, ottenendo anche 3 capitali, che resistono tutt’ora. Le più grandi sono le isole di Sao Miguel, Pico e Terceira, la meno estesa è l’isola di Corvo.

Per raggiungere le Isole Azzorre è molto usato l’aereo, infatti esistono ben 9 aeroporti; dall’Italia è possibile raggiungere le isole attraverso dei voli da Roma o Milano verso Lisbona, per poi raggiungere dalla città lusitana le Isole Azzorre. A seconda del periodo, possono esserci collegamenti più o meno frequenti con Lisbona.

Per muoversi fra un’isola e l’altra è possibile viaggiare in battello o in aliscafo e, forse il collegamento più comodo, con l’aereo, dato che tutte le isole principali sono tutte dotate di un aeroporto.

Ciò che caratterizza le Isole dell’Arcipelago delle Azzorre, è la conformazione particolare, data dall’origine vulcanica dell’arcipelago. Le vedute che danno sui vulcani, su prati e valli e anche sui monti delle Isole Azzorre, sono veramente delle visioni che riconciliano con la natura, quasi incontaminata da queste parti.

Sao Miguel è la capitale economica, dove si svolgono le principali attività lavorative delle Isole. Da non perdere la stupenda “Lagoa do Fogo“, un bellissimo lago attorniato da sabbia fine e bianca.

Il Vulcano di Pico, che sorge nell’omonima isola, è alto più di 2300 metri, e domina l’intera isola. L’isola di Pico inoltre è conosciuta per il suo vino, che proviene dall’uva coltivata in particolarissime vigne, dichiarate Patrimonio dell’Umanità.

Per chi è interessato ad una visita più culturale, non può non visitare Terceira, che fa parte del gruppo centrale, ed è, grazie alla capitale Angra do Heroismo, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Fra elementi architettonici e monumentali, sorgono edifici in tipico stile sudamericano, con coloratissimi “imperios“, siti dedicati al culto religioso.

L’isola di Sao Jorge è l’isola più “agricola” dell’arcipelago; la sua forma è molto particolare, infatti si estende molto in lunghezza ma molto poco in larghezza. Il capoluogo è Velas.

L‘isola di Flores è quella più ad Occidente, ed è rinomata per la natura quasi interamente incontaminata, che da un aspetto quasi selvaggio all’isola.

L’isola di Fayal, con la capitale Horta, è stata negli anni addietro un porto molto attivo: qui arrivavano molti marinai e navigatori in cerca di riposo.

Isole “minori” sono le più piccole delle Azzorre, come Corvo, Santa Maria e Graciosa.

La cucina delle Isole Azzorre si basa principalmente sul pesce, la posizione nell’Oceano Atlantico porta numerose specie di pesce che viene pescato e cucinato alla griglia. Ma anche la carne, specie il maiale, è di ottima qualità. E dai bovini che pascolano nelle Azzorre proviene il formaggio più conosciuto, Queijo da ilha.

Post correlati

Sottoscrivi RSS dei commenti

Non ci sono commenti per questo post

Perfavore, scrivi qualcosa per rilasciare il commento

* Campi obbligatori

Privacy Policy - Racconti di viaggi dal mondo