Italia: Dove il mare è più blu


Spiagge incontaminate circondate da riserve naturali, dove tuffarsi in acque cristalline. E’ il caso di Cala Mosche, tra Vendicari e Noto, nei pressi di Siracusa, chiamata dagli abitanti Funni Musca. Ci si arriva percorrendo la provinciale di Pachino – Noto, fino a raggiungere una strada sterrata che oltrepassa una vecchia ferrovia.

Arrivati al cancello della Forestale, bisogna lasciare la macchina e proseguire a piedi per 1 km. La spiaggia, lunga 200 metri, è caratterizzata dalla presenza di palme nane ed è racchiusa fra scogliere e grotte marine. E se si capita in un giorno fortunato, è possibile ammirare alcuni uccelli rari.

Fra i litorali più belli d’Italia, ancora non aggrediti dal turismo di massa, c’è anche la spiaggia di Capo Bruzzano a Bianco, in provincia di Reggio Calabria, celebre per la distesa di sabbia circondata da piante di gelsomino dall’intenso profumo. Le formazioni delle scogliere di Capo Bruzzano si devono alle maree che, nei secoli, hanno plasmato le rocce.

Qui non esistono strutture turistiche, ma solo la pace. Entrambe queste spiagge sono state segnalate da Lega ambiente come luoghi verdi fra i più belli d’Italia. Per chi è attratto dal silenzio di un’isola niente di meglio di Stromboli, famosa per il suo vulcano e il paesaggio selvaggio. Merita una visita poi la contrada di Ginostra assolutamente vietata alle auto( i residenti utilizzano ancora i muli).

Gli amanti della vela, invece, non dovrebbero perdersi le escursioni a bordo di Matilda. Ogni mattina si parte da Villasimius, a sud-est di Cagliari, per scoprire luoghi raggiungibili solo dal mare, come l’area marina protetta dell’Isola dei Cavoli.

Post correlati

Sottoscrivi RSS dei commenti

Non ci sono commenti per questo post

Perfavore, scrivi qualcosa per rilasciare il commento

* Campi obbligatori

Privacy Policy - Racconti di viaggi dal mondo