Come avventurarsi in una vacanza Umbra


L’Umbria grazie alla sua ricchezza morfologica, si presta agli sport all’aria aperta, del tubing sul fiume Nera al treeclimbing a Norcia, fino alle riposanti escursioni a cavallo a città Castello. Questa regione offre molte attrattive per i turisti, una di queste è sicuramente il Tubing sul Nera.

Il principio è semplice: si prende una specie di camera d’aria, la si rende confortevole nella dimensione e impermeabile chiudendola su uno dei due lati; poi una pagaia, e il gioco è fatto. Scendere fiumi e torrenti con questo semplice galleggiante è uno spasso. Da una parte perché la corrente ti sbalotta senza mai ribaltarti, dall’altra perché si può pagaiare in libertà, disegnando cerchi sull’acqua, e guardare il panorama ruotando su se stessi.

Sul Nera, la cosa è particolarmente piacevole, sia per il livello dell’acqua, mai troppo alto, sia per il paesaggio, il Parco fluviale del Nera, che si attraversa da Ferentillo ad Arrone, è tranquillo, le sponde ombreggiate e sicure, l’acqua limpida e la discesa rilassante. Per chi è già esperto e vuole provare percorsi più impegnativi, c’è la discesa di tre chilometri dopo la Cascata delle Marmore.

Per chi ama più l’avventura, consiglio il treeclimbing. Saltare tra gli alberi, come fanno gli animali. Vedere le cose tra il fogliame, dall’alto e un’esperienza che si è diffusa anche in Italia. Umbria Avventura lo propone da qualche tempo a Norcia. C’è il ponte tibetano, quello nepalese e tirolese, i passaggi con tronchetti, piattaforme mobili, funi di acciaio su cui scivolare. Naturalmente, legati a corde e moschettoni e con un casco in testa.

Post correlati

Sottoscrivi RSS dei commenti

Non ci sono commenti per questo post

Perfavore, scrivi qualcosa per rilasciare il commento

* Campi obbligatori

Privacy Policy - Racconti di viaggi dal mondo