Isole Cicladi: Un tuffo nell’azzurro del Mar Egeo


Le Isole Cicladi sono un arcipelago di 30 isolette, che si trovano nel Mar Egeo, in Grecia. Questo arcipelago si dispone a cerchio intorno all’isola di Deli: da questa posizione circolare nasce il nome Cicladi, che in greco vuol dire proprio “circolare”.
Le isole più conosciute e importanti sono quelle di Amorgos, Andros, Kea, Delos, Mykonos, Milos, Naxos, Páros, Antiparos, Santorini, Syros e Tinos.

Il clima nelle Cicladi è molto secco, d’estate soffia un forte vengo proveniente dal nord, il “melteni” che rinfresca la calda estate delle Cicladi.
L’economia delle Cicladi si basa principalmente sul turismo, in secondo piano l’agricoltura, anche se è un fattore importante all’interno dell’economia di queste isole greche.
Come del resto in tutta la Grecia, anche nelle Cicladi possiamo usare la moneta unica europea, l’Euro.

Raggiungere le isole Cicladi in aereo può risultare un po’ costoso: infatti le isole sono dotate di aeroporti, ma non vengono effettuati voli internazionali, cioè da nazioni europee direttamente verso le Cicladi; bisognerà obbligatoriamente fare scalo ad Atene, all’Aeroporto Eleftherios Venizelos.
Da Atene ci sono più possibilità, infatti oltre la compagnia aerea Olympic Airways che collega la capitale greca alle Cicladi, possiamo spostarci verso i porti del Pireo o di Rafina, dai quali partono servizi di traghetti e aliscafi verso le Cicladi.

Per spostarsi da un’isola all’altra si consiglia il traghetto, efficiente e molto economico; per muoversi all’interno di un’isola invece, si può fare uso della rete pubblica di autobus, che collega tutte le vie principalmente utilizzate dai turisti all’interno di un’isola. I costi dei bus sono bassi e i biglietti possono essere comprati a bordo del bus.

L’isola di Delos, si trova al centro del Mar Egeo, e possiamo definirla quasi come un museo completamente all’aperto: è infatti un’isola disabitata dove è vietato alloggiare durante la notte. Ci si arriva tramite i traghetti, ed è possibile visitare l’importantissimo “Santuario di Apollo” e il monte Kinthos, dove ci sono moltissimi reperti archeologici.

Milos invece principalmente “naturale” ossia dove la natura ha lasciato intatte tutte le sue bellezze: fra le montagne che si susseguono, le bellissime grotte marine e lo splendore dei panorami che offre Milos, fra cui le distese di coltivazioni di aranci,limoni e ulivi, per non parlare delle spiagge sabbiose, che sono una vera e propria meraviglia da non perdere.

L’Isola della Madonna, ossia Tinos, è conosciuta in tutto il mondo per la Chiesa dedicata alla Madonna, che raduna nel periodo di ferragosto tantissimi fedeli e pellegrini; ma da visitare anche le rovine del Santuario di Poseidona.

Santorini è una delle isole più conosciute, è sovrastata dalla presenza del Vulcano che offre un panorama spettacolare.
La sua vita notturna e la presenza di tantissimi locali favorisce un enorme afflusso di turisti durante i mesi estivi. Le sue spiagge sono caratterizzate dall’assenza di sabbia in superficie, infatti ci sono solo dei ciottoli di colore scuro, che creano un bellissimo effetto con l’acqua chiarissima del Mar Egeo.

Negli ultimi anni Mykonos è diventata l’isola più “glamour” delle Cicladi ma non solo. Già dagli anni ’70-’80 era luogo di incontro per tutti i più trasgressivi di quel periodo, ossia i gay, gli hippy e i naturisti. E tutt’ora resta Mykonos l’isola più trasgressiva delle Cicladi, con una enorme massa di turisti, per lo più giovani, che accorrono fra giugno e agosto.
Caratteristiche le sue vie, piccoli e stretti cunicoli, sembra quasi un labirinto, ai lati le case bianchissime con tetti azzurri.

Post correlati

Sottoscrivi RSS dei commenti

Non ci sono commenti per questo post

Perfavore, scrivi qualcosa per rilasciare il commento

* Campi obbligatori

Privacy Policy - Racconti di viaggi dal mondo